Nel mondo di Marcel Proust  >  Amici e conoscenti




MADAME CATUSSE
1858 - 1928


Madame Catusse (foto)
Particolare di una foto della BnF


M.me Marie-Marguerite Bertin, sposata con Anatole Catusse, era la più cara ed intima amica di Jeanne Weil, la madre di Proust, con la quale aveva in comune l'amore per la musica e un sottile senso dell'umorismo.

Da giovane era molto bella, tanto che Marcel, che nel 1896 si trova con la madre e e la sua amica nella piccola stazione termale di Saliers-de-Béarn, scrive alla nonna una lettera in cui descrive lungamente Madame Catusse, che ha allora 39 anni e di lei dice che "canta divinamente le melodie di Massenet e di Gounod" e che ha


"una voce deliziosamente pura e meravigliosamente drammatica (...) un cervello affascinante, due occhi dolci e chiari, una pelle fine e bianca, una testa degna di essere sognata da un pittore innamorato della perfetta bellezza, incorniciata da bei capelli neri"



Madame Catusse avrà un ruolo molto importante durante tutta la vita di Proust, gli sarà di grande aiuto in mille occasioni, sia moralmente (sono moltissime le lettere con le quali Marcel si confida con lei) nel periodo della malattia e morte della madre o in occasione del matrimonio del fratello Robert, sia molto concretamente quando Proust, dovendo lasciare l'appartamento di Rue de Courcelles è in cerca di casa e in tutte le occasioni in cui si trova a dover affrontare i piccoli fastidi quotidiani di tubature difettose o vicini rumorosi.


"La sera, dico alla fotografia della mamma quanto siete gentile con me e sembra che sia a voi che ella rivolge il suo sorriso pieno di bontà che condivido con voi!"



È a lei che si rivolge quando, nel 1917, decide di vendere parte dei mobili di famiglia.

Madame Catusse fu colei che scattò la famosa fotografia della madre morente ed a lei Proust scriverà, cinque anni dopo:


"Voleva e non voleva, combattuta tra il desiderio di lasciarmi un'ultima immagine e il timore che potesse essere troppo triste"



Nella Recherche è la nonna, che a Balbec, allo stesso scopo, convince Saint-Loup a farle la fotografia e viene crudelmente presa in giro dal Narratore.



 Torna ad Amici e  conoscenti

Torna all'indice

Torna alla pagina principale



Pagine realizzate da Gabriella Alù
1998